Contro le ludopatie NO al proibizionismo SI all’educazione

(fonte ilgazzettino.it)

Di seguito riportiamo, senza modificare in alcun modo uno scambio di considerazioni tra un lettore e il direttore del gazzettino nel  quale ci sentiamo di apprezzare per pacatezza ed apertura mentale l’approccio al tema del gioco pubblico in Italia.

Cosa ne pensate?

______________________________________________________________________________________________________

PER APPROFONDIRE: educazioneludopatiaproibizionismo
Egregio Direttore,
nella mia attività, trovo sempre più spesso persone, anche ex ricchi, che devo aiutare perché diventati poveri, grazie ai giochi d’azzardo. Ecco perché mi sono ritrovato l’altro ieri veramente basito per una pagina intera dedicata ad una vincita importante alla Giudecca, a Venezia. Penso che il Suo giornale abbia fatto molta più pubblicità ai giochi con quell’articolo, che tutta la tv messa assieme. Non vi siete creati questo problema? Non vi rendete conto che l’emulazione e la ricerca della vincita facile porterà ad un aumento delle giocate? È come se aveste fatto una pagina intera su un suicidio, magari anche spiegando la facilità sul come farlo. Credo che un po’ di etica non guasterebbe; non c’è alcuna invidia nella vincita, ci mancherebbe, tanto lui i soldi se li tiene, ma quanti sono quelli che giocano e perdono tutto?
Con immutata stima.

Gianfranco Bxxxxxxxx
Venezia

Caro lettore,
i giornali hanno il compito e l’ambizione di dare notizie, non di redimere l’umanità. Ma mi chiedo perché dovrebbe essere poco etico scrivere di vincite particolarmente importanti o fortunate? Non stiamo parlando di attività illegali, anzi lo Stato incassa fiori di miliardi su concorsi e riffe varie. Se valesse il suo ragionamento non dovremmo parlare neppure di velocità delle auto o di buoni vini. Anche questo potrebbe essere infatti considerato un incentivo a comportamenti pericolosi. Personalmente non ho mai comprato neppure una schedina al Totocalcio, ma non mi sembra riprovevole che qualcuno lo faccia, né che tenti la fortuna acquistando un Gratta e vinci o, come ha fatto il nostro anonimo giocatore della Giudecca, una scheda del Miliardario. Naturalmente so bene che esistono persone dipendenti dal gioco o che hanno dilapidato fortune in scommesse. Anche per questo esistono leggi e norme che disciplinano la materia. Ma anche per il gioco vale un principio: non è la cosa in sé che è giusta o sbagliata, ma è l’uso che se ne fa. E la strada da seguire non è il proibizionismo o un ipotetico stato etico, ma l’educazione a comportamenti responsabili.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.